Chi non ha visto gli esercizi per parlare in modo fluido che il principe Albert (Duca di York e secondo genito di re Giorgio V) regolarmente eseguiva per essere pronto a tenere importanti discorsi in pubblico?

In sintesi, questa è la trama di un film, “Il discorso del re” dove uno strepitoso Colin Firth interpreta un sovrano afflitto da un evidente problema di balbuzie.

Ora, questo è certamente un caso limite, ma quanti di voi di fronte alla concreta possibilità di dover parlare in pubblico iniziano a pensare che si tratti di un’impresa titanica o di qualcosa da evitare come la pesta bubbonica?

A tutti loro e a tutti quelli che invece già sono dei veri e propri animali da palcoscenico (ma pensano di poter ancora migliorare un “tantino”) è dedicato questo articolo…

Imparare a parlare in pubblico

 

Perché qualcuno dovrebbe imparare a parlare in pubblico?

Perché imparare a parlare in pubblico offre una moltitudine di vantaggi, che si estendono ben oltre il semplice superare la paura di affrontare un’audience.

Questa competenza, infatti, apre opportunità personali e professionali, migliora la capacità di comunicazione in ogni ambito della vita ed aumenta la fiducia in sé stessi.

Quando si padroneggiano le tecniche di public speaking, si acquisisce una generale sicurezza che si rifletterà soprattutto nel modo in cui si esprimeranno le proprie idee.

Dal punto di vista professionale, essere abili nel parlare in pubblico, consente di distinguersi in ambito lavorativo per tutti questi aspetti:

  • presentazioni efficaci
  • riunioni gestite con autorevolezza
  • capacità di esporre chiaramente concetti complessi
  • gestione della propria leadership

Queste sono solo alcune delle competenze ricercate in molti ruoli e settori, che possono essere migliorate attraverso gli esercizi per parlare in modo fluido in pubblico.

Inoltre, una comunicazione efficace (leggi anche “Tecniche di comunicazione: come migliorarle”) facilita la costruzione di relazioni professionali solide, migliora la rete di contatti e assicura di far arrivare al nostro interlocutore il messaggio corretto.

Saper parlare in pubblico: una competenza che si può acquisire

 

Saper parlare in pubblico, anche a livello interpersonale, ha dei risvolti interessanti, perché migliora le abilità di ascolto e di empatia.

Preparare dei discorsi ed essere in grado di comunicarli bene richiede una profonda comprensione del pubblico e delle sue esigenze. Questo aspetto è cruciale, non solo in ambito lavorativo, ma anche nelle relazioni personali dove comunicare efficacemente può rafforzare i legami e migliorare la comprensione reciproca.

Dal punto di vista dell’apprendimento personale, questa competenza induce e promuove la crescita intellettuale, perché accanto alla preparazione e presentazione di un argomento vengono rinforzate anche le competenze critiche di pensiero, di analisi e di sintesi.

Si apprende come organizzare le proprie idee in modo coerente, come supportarle con argomentazioni solide, e come adattare il messaggio al contesto e al pubblico.

Lo sguardo al pubblico è un aspetto fondamentale che vi sveleremo a brevissimo.

In conclusione, saper parlare in pubblico bene è un investimento nel proprio sviluppo personale e professionale che paga dividendi a lungo termine, migliorando:

  • la fiducia in sé stessi
  • le opportunità di carriera
  • le relazioni interpersonali
  • l’apprendimento personale
  • l’esperienza di vita

Come superare la paura di parlare in pubblico

 

E veniamo al nocciolo della questione: “Come superare la paura di parlare in pubblico?” perché alla fine è di questo che stiamo parlando…di paura. 

Senza entrare troppo in ambito psicologico, possiamo certamente definire la paura di parlare in pubblico, una forma di fobia sociale che può derivare, in casi più seri, da esperienze traumatiche pregresse (una sgridata troppo animosa fatta da un professore, qualche presa in giro di troppo…).

Se ci pensate,, la prima forma di una tale paura è quella che più o meno tutti abbiamo provato durante le interrogazioni a scuola.

E che cos’è che in quel contesto creava ansia? La paura di sbagliare e di farlo in presenza di una platea più o meno ampia, ovvero la classe.

Per alcuni questo esordio, cioè della paura, può essere precoce per altri invece più tardivo e “lievitare” lentamente, ma il desiderio è il medesimo: scoprire come parlare in pubblico senza ansia. 

Alla base della paura di parlare in pubblico ci sono quelle che vengono definite “convinzioni condizionali” che hanno una struttura del tipo: SE…ALLORA.

Cariche di emotività,  le convinzioni condizionali, che potrebbero comparire di fronte alla possibilità di parlare in pubblico, potrebbero risuonare più o meno così:

  • se si accorgono che sono in difficoltà, farei una brutta figura
  • se mi blocco nel bel mezzo del mio discorso, penseranno che sia un incapace.

Ma non è tutto, perché ciò che esse riescono ad attivare sono dei pensieri automatici negativi del tipo:

  • mi bloccherò e non riuscirò più a parlare
  • mi verrà un attacco di panico
  • tutti vedranno che sono in ansia

Torniamo alla domanda iniziale:” Come superare la paura di parlare in pubblico?”.

Questo è possibile attraverso un corso per parlare in pubblico e attraverso degli esercizi per parlare in modo fluido.

Public speaking tecniche

 

Per public speaking tecniche, come quelle promosse da openhs.it, si intende la possibilità di acquisire le competenze necessarie per “comunicare con sicurezza e fiducia di fronte ad un uditorio”. 

Openhs è una società di consulenza che si occupa di migliorare e potenziare l’ambito delle risorse umane di un’azienda, attraverso interventi:

  • formativi
  • di counseling
  • auto formativo consulenziale

Le tecniche di public speaking sono essenziali per chiunque voglia migliorare la propria capacità di parlare in pubblico. Non solo aiutano a trasmettere il messaggio in modo più efficace, ma anche a coinvolgere l’auditorio, a gestire l’ansia e a presentarsi con maggiore sicurezza.

Esploriamo alcuni degli aspetti più rilevanti e come possono essere applicati per migliorare le proprie capacità di oratoria.

Public speaking consigli: i magnifici 7 

 

Ecco un breve elenco di public speaking consigli:

  • Strutturazione del discorso

Una struttura chiara e logica è la spina dorsale di qualsiasi discorso efficace; iniziare con un’introduzione che catturi l’attenzione, sviluppare l’argomento con punti chiari e conclusivi, e concludere con un riassunto o un appello all’azione garantisce che il pubblico segua il filo del discorso senza perdere interesse. La strutturazione aiuta anche l’oratore a rimanere concentrato e a trasmettere il messaggio in modo coerente.

  • Uso del linguaggio del corpo

Il linguaggio del corpo gioca un ruolo cruciale nel public speaking, perché una postura aperta e sicura, il contatto visivo con l’auditorio, e l’uso gestuale appropriato possono rafforzare il messaggio e renderlo più convincente. Il linguaggio del corpo positivo trasmette sicurezza e apertura, elementi chiave per stabilire una connessione con l’auditorio.

  • Modulazione della voce

 La voce è uno strumento potente che, se usato correttamente, può aggiungere significato ed enfasi al messaggio. Variare il tono, il volume, e il ritmo di parlata mantiene l’attenzione dell’auditorio e previene la monotonia. La pausa strategica può essere utilizzata per sottolineare un punto importante o per dare tempo all’auditorio di assorbire le informazioni.

  • Gestione dell’ansia

Parlare in pubblico può generare ansia, ma ci sono tecniche specifiche per gestirla come: la preparazione approfondita, la pratica ripetuta, e le tecniche di rilassamento, come la respirazione profonda. Inoltre, adottare una mentalità positiva e vedere l’esperienza come un’opportunità di crescita può trasformare l’ansia da ostacolo a stimolo motivazionale.

  • Interazione con l’auditorio

Engage l’auditorio è essenziale per un discorso memorabile: porre le giuste domande, invitare alla partecipazione, o usare aneddoti e storie personali rende il discorso più “orecchiabile” e coinvolgente. Ascoltare e reagire al feedback dell’auditorio in tempo reale può anche migliorare l’efficacia del discorso e l’impatto sul pubblico.

  • Uso di supporti visivi

I supporti visivi, quando usati con discernimento, possono arricchire il discorso e aiutare a illustrare punti complessi: che si tratti di slide, grafici, o video, è importante che questi siano integrati in modo da complementare e non sovrastare il messaggio verbale. La chiarezza e la semplicità visiva aiutano a mantenere l’attenzione sul contenuto principale.

  • Feedback e pratica continua

Infine, ricevere un riscontro costruttivo e praticare continuamente sono essenziali per migliorare; ogni opportunità di parlare in pubblico è un’occasione per apprendere e affinare le proprie tecniche. Partecipare a gruppi di public speaking, o registrarsi mentre si pratica per poi analizzare la performance può fornire insight preziosi per il miglioramento.

In conclusione, dominare le tecniche di public speaking richiede impegno e pratica, ma i benefici che ne derivano in termini di efficacia comunicativa e personale sicurezza sono inestimabili.

Con la giusta preparazione e mentalità, chiunque può scoprire di essere un oratore convincente e carismatico.

Esercizi per parlare in modo fluido: conclusioni

 

Dovrebbe essere ormai chiaro che trovare degli esercizi per parlare in modo fluido in pubblico non è complicato, soprattutto se ci si rivolge a dei professionisti come openhs.it

Ci piacerebbe però condivide con voi ancora qualche piccolo suggerimento in pillole o per meglio dire in punti:

  • conosci il tuo pubblico: un’analisi anche per sommi capi del tuo auditorio e del contesto in cui andrai, è un asso nella manica; il top sarebbe avere delle informazioni qualche giorno prima, ma quando non fosse possibile, anche solo arrivare con qualche ora di anticipo e sbirciare che “aria tira” è utile.
  • cerca la coerenza tra quello che dici e quello che fai…. vabbè, quella è un’altra storia, per il momento limitati ad essere in linea con il tuo linguaggio non verbale (postura, prossemica ecc.)
  • adatta e modula il tuo linguaggio al pubblico; potresti averlo sopravvalutato o sottovalutato, ma in entrambi i casi, la capacità di modulare e modificare il modo in cui ti rivolgi è essenziale e provvidenziale.
  • ricordati di non essere troppo prolisso perché: “Per parlare in pubblico occorre avere qualcosa da dire, dirla, e quando la si è detta smettere”. (Winston Churchill).

In conclusione, sviluppare e affinare le proprie competenze di public speaking apre numerose porte, sia nel campo professionale che personale.

Se siete pronti a intraprendere questo viaggio di crescita, OpenHS offre una vasta gamma di servizi dedicati a chi desidera esplorare l’antica arte oratoria.

Visita openhs.it per scoprire come dare la giusta voce alle tue idee e diventare un oratore sicuro, persuasivo e coinvolgente.